fbpx

Prossima fermata Colonna – San Cesareo

San Cesareo Viva guarda al futuro del nostro paese e si confronta con tutte le istituzioni di zona per far crescere il nostro territorio.

Dopo aver criticato la scelta infelice di un parcheggio a pagamento solo per i cittadini “stranieri” deliberato dal Comune di Colonna, abbiamo incontrato il sindaco Fausto Giuliani, che invece tante volte avevamo apprezzato, per rilanciare e proporgli un nuovo progetto: una stazione ferroviaria Colonna – San Cesareo.

Basta con quella stazioncina vecchia, malconcia, insicura e priva di ogni servizio. Quella stazione per le sue caratteristiche (in curva, sotto una galleria, senza banchina) non potrà essere mai un luogo ospitale per i pendolari e un volano per l’economia del territorio.
E allora perché non spostarla di qualche centinaia di metri al confine tra i due comuni?
Perché non farla diventare un asset strategico di Colonna e San Cesareo: una stazione bella ed efficiente, con treni ogni ora dalla mattina alla sera, collegata con la metro C, con la pista ciclabile, con servizi, bar, negozi e sulla Casilina.

Utopia? No.
I terreni per farlo ci sono, i soldi anche (quelli del Recovery Fund che non aspettano altro che questo tipo di progetti dai Comuni) e pare anche da un primo contatto che la disponibilità di RFI ci sia.

Progetto semplice? Niente affatto.
Ma abbiamo un’occasione unica, perché non provarci? Perché non mettere al lavoro insieme gli uffici tecnici dei due comuni per verificarne la fattibilità?
Il sindaco Giuliani si è mostrato subito interessato a questa opera e ci ha assicurato che ne valuterà la fattibilità tecnica. Adesso attendiamo che anche l’amministrazione del Comune di San Cesareo batta un colpo.
Va bene essere gli unici a difendere i cittadini, va bene essere gli unici a fare opposizione, ma essere i soli a fare anche la maggioranza ci pare un po’ troppo no?
Amministratori di San Cesareo svegliatevi, questo è un treno da prendere al volo.

15585

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Resta aggiornato sui fatti del paese per mail o su whatsapp

Torna su
× Fatti sentire